OCSE: in Europa pochi laureati, è necessario investire nell'istruzione

Secondo quanto evidenzia uno studio realizzato dall'Ocse (organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico)  i giovani nell'Unione Europea che si laureano sono meno rispetto a quelli di Canada, Giappone o  Russia.
Lo studio che raccomanda alla Ue di investire maggiori risorse nella Scuola ha confrontato il livello di istruzione dei giovani tra i 25 e i 34 anni, rilevando come in 21 paesi europei solo una media del 34% di loro ha compiuto un ciclo di studio universitario, contro un tasso superiore al 50% in paesi come la Corea, il Giappone, il Canada e la Russia.
Secondo lo studio, intitolato "Uno sguardo sull'istruzione 2010", il tasso massimo in Europa è quello dell'Irlanda, con il 45% del campione che ha completato un ciclo universitario.
Lo studio mette in luce anche delle conseguenze dirette tra i livelli di istruzione e il tasso di occupazione in Europa, considerando il tasso di molto inferiore dei laureati disoccupati (4%) rispetto agli altri (9%). Con questa premessa, il rapporto prospetta che con l'avanzare delle generazioni il tasso di disoccupazione in Europa possa peggiorare ancora rispetto all'attuale 10%, livello massimo degli ultimi12 anni.
"L'Europa non può rischiare di fallire in istruzione e formazione", ha detto Androulla Vassiliou, commissaria europea per l'Istruzione, la Cultura e la Gioventù, che spera che lo studio possa sollecitare nuovi investimenti comunitari nel settore.
Quest'anno la Ue ha indicato una serie di obbiettivi per i prossimi 10 anni, tra cui figura l'intento di innalzare la quota di laureati al 40%.
Secondo Pierre Mairesse, del dipartimento per l'istruzione della Commissione Europea, agli investimenti andrebbero accostate anche riforme del sistema universitario europeo.
"Gettandoci sopra soldi" non si risolverà il problema, ha detto Mairesse, secondo cui è necessario guardare anche agli sprechi e cercare maggiore coordinazione tra università europee e il settore privato, per far si che gli studenti studino effettivamente ciò che permetterà loro di inserirsi nel mercato del lavoro.