Tutti i titoli e le classi per diventare docenti


Non solo le materie scientifiche, ma anche quelle umanistiche. Dalle prime indiscrezioni sull’incontro sindacati-governo filtrano alcune anticipazioni che sicuramente daranno speranza a tanti aspiranti professori: oltre alle discipline di calcolo, storicamente a corto di insegnanti, il maxiconcorso scuola 2012 porterà nuovi innesti anche nelle cattedre di Italiano, Filosofia, Latino e Greco.
Dunque, tra gli 11.892 posti messi a bando a partire dal 24 settembre, data in cui è prevista la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ci sarà posto anche per i laureati in materie letterarie o di cultura classica, che avranno così un’opportunità irrinunciabile di entrare in ruolo nell’universo scolastico. Chance, che, secondo quanto emerge, sarà comunque diluita nell’arco di tre anni per avviare alla professione tutti i vincitori, tesi che scongiura il ricorso a nuove graduatorie. Un arco di tempo nel quale, comunque, dovrebbero tenersi almeno altri due concorsi, secondo la tabella di marcia indicata dal ministro dell’Istruzione Francesco Profumo.
Ma vediamo nello specifico le classi che, secondo le prime informazioni disponibili, dovrebbero essere ammesse a partecipare alla prima prova. Per i posti a disposizione negli istituti di quella che, tecnicamente, è nominata scuola secondaria di secondo grado ma che, secondo il gergo mai invecchiato, identifica tutti gli istituti afferenti alle scuole superiori, trapela che il concorso sarà accessibile per laureati o abilitati nelle seguenti classi: A017, A019, A020, A025, A029, A034, A036, A037, A038, A047, A049, A050, A051, A052, A060, A246, A346, C430.  Per la scuola media, o “scuola secondaria di primo grado”, le uniche discipline in cui sarà aperto il bando saranno invece legate alle classi A028, A030, A033, A043, A059, A245 e A345.
Va specificato che, sempre per la scuola media e superiore, l’accesso alle prove sarà riservato a chi ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento e ai laureati in un titolo di studio del vecchio ordinamento, conseguito non oltre l’anno 2001/2002, per i corsi di studio quadriennali, 2002/2003 per i quinquennali e 2003/2004 per quelli di sei anni. Scuola primaria e per l’infanzia, invece, aprono le porte a tutti gli abilitati, ai laureati i laureati in Scienze della formazione e, sorpresa, anche ai diplomati entro l’anno scolastico 2001/2002, purché abbiano saltato la “chiamata” concorsuale del 1999.
Per Scuola primaria e gli asili, non dovrebbero esserci Regioni escluse dal bando: anche se dovesse emergere una carenza di posti, si vocifera in Ministero, i raggruppamenti saranno al massimo di due territori regionali. Insomma, tutto sembra ormai pronto per il via definitivo al concorso a cattedre: rientrate le voci di un possibile rinvio, con le parole del ministro Profumo in persona, ora iniziano anche a conoscersi i dettagliper l’ammissione: la corsa alla cattedra è davvero partita.