Per il MIUR aumentano i bocciati e i cinque in condotta

Aumentano le bocciature nella scuola italiana: il 5,7% degli studenti della quinta superiore non è stato ammesso agli esami di maturità mentre i cinque in condotta, secondo le proiezioni, dovrebbero essere quest'anno circa 10 mila.
Lo dice una nota del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che riporta le proiezioni elaborate sulla base dei primi dati parziali delle scuole medie e superiori.
Secondo i dati del Miur, aumenta dal 10,9% all'11,4% il numero complessivo di studenti non ammessi alla classe successiva nelle scuole secondarie di secondo grado, con la percentuale di bocciati maggiore al primo anno (15,3%) e poi decrescente negli anni seguenti.
Cresce di circa un punto percentuale il numero di maturandi obbligati a ripetere l'anno, con il maggior aumento relativo al liceo classico (dal 3,5% al 4,2%) e con la punta massima negli istituti tecnici (14,4% nel 2009/2010).
Più contenuto, invece, il numero di non ammessi alle classi successive nella scuola media: pari al 4,3% nel primo e nel secondo anno. Il 3,5% degli studenti non è stato invece ammesso agli esami di terza media.