Punti, segmenti, poligoni nel piano cartesiano: rigore e concretezza

Ricordiamo che, nel piano, il riferimento cartesiano ortogonale è costituito da una retta orizzontale, l’asse delle ascisse o asse X (orientato da sinistra verso destra) e da una retta verticale, l’asse delle ordinate o asse Y (orientato dal basso verso l’alto). Gli assi si intersecano nell’ origine: il punto O ≡ (0;0). Il piano viene così diviso in quattro quadranti: Il primo in alto a destra, il secondo in alto a sinistra, il terzo in basso a sinistra e il quarto in basso a destra. La posizione di un punto sul piano è data dalle sue due coordinate: nell’ordine l’ascissa è la distanza del punto dall’asse Y (si misura sull’asse X) e l’ordinata  è la distanza del punto dall’asse X (si misura sull’asse Y). In pratica il primo numero, l’ascissa, indica di muoverci orizzontalmente sull’asse X (a sinistra se è negativa e a destra se è positiva) e il secondo numero, l’ordinata, dice di muoverci
verticalmente dal punto individuato dall’ascissa (in basso se è negativa e in alto se è positiva). A ogni punto corrisponde una coppia ordinata di numeri relativi e possiamo applicare alla geometria il metodo algebrico.
    di Luciano Porta



Vedi la lezione