Autogoverno Delle Istituzioni Scolastiche Cronistoria di una proposta cambiata

Dossier della CISL 

Norme per l’autogoverno  delle istituzioni scolastiche statali
Viene da chiedersi, ascoltando gli slogan che contestano oggi “il progetto Aprea”, se chi li scandisce si rende conto di come e quanto sia cambiato, rispetto a quello firmato dall’allora sottosegretaria all’Istruzione del governo Berlusconi, il testo della proposta di legge approvata di recente dalla VII Commissione della Camera dei Deputati. Non vi compare più alcun cenno allo stato giuridico del personale docente, né al suo
reclutamento: rimosse, dunque, le parti su cui si indirizzò, allora, il più marcato dissenso. Ma altre e consistenti sono le differenze che si possono cogliere nell’impianto complessivamente disegnato per la governance del sistema scolastico, a partire dagli organi di governo delle scuole, differenze che spiegano anche come sia stata possibile la convergenza di un ampio schieramento di forze, dal PD al PdL, a sostegno di una riforma il cui carattere bipartisan rappresenta uno degli aspetti più apprezzabili per chi, come noi, da tempo chiede che la scuola e la formazione non siano il terreno di un permanente ed esasperato conflitto ideologico.